home english
chi siamo tecnologie prodotti garanzie




significato religioso della spiga

Il chicco di grano è simbolo di rinascita, segno di speranza e di futuro.
La spiga di grano è emblema della primavera, della natura che si risveglia, che vince il buio e l’immobilità dell’inverno e dunque la morte (Mito di Proserpina).
Proserpina è la versione romana della dea greca Persefone o Kore. Il nome potrebbe derivare dalla parola latina proserpere ("emergere") a significare la crescita del grano. Infatti, in origine, fu senza dubbio una dea agreste.
Proserpina era figlia di Cerere; rapita da Plutone re dell'Ade mentre coglieva i fiori sulle rive del lago Pergusa ad Enna, fu trascinata sulla sua biga trainata da quattro cavalli neri, ne divenne la sposa e fu regina degli Inferi. Dopo che la madre ebbe chiesto a Zeus di farla liberare, poté ritornare in superficie, a patto che trascorresse sei mesi all'anno ancora con Plutone. I Greci si spiegavano così l'alternarsi delle stagioni.
Grano dono di Dio, simbolo del lavoro e della fatica umana.
Il seme ogni anno muore per rinascere puntualmente a nuova vita salvando l’uomo dalla morte per fame.
Il grano in semi è sentito come una metafora visibile e concreta: da un lato il suo aspetto inerme, la sua morte apparente, dall’altro la potenza di vegetale racchiusa in esso lo identifica come fonte di vita, territorio di nessuno nella frontiera tra il vivere e il morire. Morendo, infatti, si moltiplica.
Nella Bibbia molti sono i passi che fanno riferimento al grano, in particolar modo nei Vangeli dove questa pianta addomesticata dall’uomo non è solo dono divino e segno di abbondanza, ma diventa simbolicamente alimento per l’anima.
Il pane ottenuto dal grano diventa il corpo stesso di Cristo e, con il vino, il suo sangue, simbolo eucaristico per eccellenza.
A tal proposito le parole del nostro Vescovo Mons. Giancarlo Bregantini sono estremamente esplicative e significative:
"Quando un bimbo nasce un angelo gli mette in mano un chicco di grano. Se lui lo stringe e tiene il pugno chiuso, il chicco finisce per ammuffire. Se apre la mano il chicco cadrà per terra, andrà nei solchi e diventerà germoglio, spiga, non lo perderà, ma si moltiplicherà.
Se dico il chicco è mio, sono triste; se il chicco lo dono sono amico di tutti, apro la mano, il mio problema è piccolo rispetto a quello degli altri".

 

brochure online

 

contatti borsa merci iniziative

 

Semolerie Ferro - P.I. 00070190707 - Tutti i diritti riservati - E' vietata la riproduzione anche parziale del contenuto