home english
chi siamo
tecnologie

storia dell'arte bianca
alchimia di una trasformazione
tecnologia e sapienza antica
prodotti garanzie
alchimia di una trasformazione

Ripercorriamo ora le varie fasi che caratterizzano la trasformazione di un semplice chicco di grano duro in semola e cruscami.
La semina del grano avviene utilizzando apposite macchine seminatrici. Il fiore del grano è una infiorescenza chiamata spiga formata da un’asse centrale fatto a zig-zag nel quale sono inserite circa 25 spighette. Da ogni spiga si svilupperanno almeno 500 frutti secchi chiamati cariossidi perché formati da un solo seme.
La raccolta del grano maturo avviene con l’ausilio della macchina mietitrebbiatrice e consiste in due operazioni diverse: il taglio dell’intera pianta (mietitura) e la separazione dei cariossidi dal resto (trebbiatura).
Lo stoccaggio delle materie prime avviene in silos ed è preceduto dalla pre - pulitura.
La pulitura vera e propria dei chicchi di grano, tramite apparecchi speciali, consente di eliminare tutte le impurità come la polvere, i semi estranei, le pietre, le pagliuzze, la veccia e le cariossidi non conformi.
I passaggi avvengono in sequenza attraverso una serie di magneti, spietratori, svecciatori, tavole densimetriche e spazzole:
i magneti sono disposti lungo il percorso per separare le parti ferrose eventualmente presenti; gli spietratori sono composti da un setaccio inclinato investito da una corrente ascensionale che porta il cereale a galleggiare, mentre le pietre risalgono il piano e sono eliminate da scarichi laterali;
gli svecciatori sono costituiti da cilindri metallici rotanti al cui interno sono posti dei mantelli alveolati sagomati. Il cereale in virtù della sua forma allungata non viene trattenuto dalle alveolature e scivola verso le apposite uscite;
le tavole densimetriche, alla stregua degli spietratori operando per inclinazione e flusso ascensionale di aria, separano le restanti parti del cereale che vengono recuperate dai semi estranei scartatei dallo svecciatoio;
le tare a riciclo d’aria sono macchine statiche studiate per separare attraverso l’aria i prodotti setolosi e le parti estranee più leggere come parti cruscali, punte nere e simili con la massima efficacia ed il minimo ingombro.
Uno degli asset della nostra tecnologia di produzione è senza dubbio la moderna selezionatrice ottica che seleziona e classifica chicchi scoloriti e corpi estranei presenti nel grano duro, in base al riconoscimento ottico di impurità diverse che passano a velocità altissima, grazie alla combinazione di avanzatissime telecamere e algoritmi capaci di calcolare la forma dei prodotti.
La selezionatrice asporta costantemente imperfezioni impercettibili grazie alla sua migliore risoluzione ed al suo elevato rapporto segnale / rumore che sfrutta appieno i sensori delle telecamere ed i sensori infrarosso ad alta risoluzione.
Il condizionamento del grano avviene ’aumentandone la sua umidità per favorire, nella fase di macinazione, la separazione delle parti cruscali e la successiva frantumazione del chicco.
La decortinazione è un processo di eliminazione della parte cruscale del grano,che avviene senza rovinare l’integrità del chicco, favorendo una ottimale sanificazione dello stesso.
La nostra azienda, da sempre all’avanguardia nelle nuove tecnologie e produzioni, ha adottato, già dal 2006, il processo di decorticazione pre- macinazione al fine di migliorare le performance molitorie del frumento.
L’eliminazione preventiva degli strati tegumentali mediante azioni di abrasione e frizione condotte sulla granella, consente di semplificare notevolmente il diagramma di macinazione riducendo il numero delle macchine impiegate ed i relativi passaggi, e, altresì di apportare una serie di vantaggi.
La macinazione ha come finalità la trasformazione delle cariossidi dei cereali in sfarinati, più precisamente, l’endosperma, che include la parte amilifera e lo strato aleuronico, viene separato dalle parti tegumentali e dal germe. Dall’endosperma amilifero si ricava la semola raffinata, dalle parti tegumentali, i cruscami.
Le fasi avvengono in serie mediante varie macchine chiamate laminatoi, buratti piano( planchsister) e semolatrici:
I laminatoi sono macchine diagonali a sei rulli, che consentono di rimacinare i cereali, schiacciandoli o riducendoli.
I buratti piani ( planchsister) sono macchine atte a setacciare i prodotti macinati dai laminatoi, o altro tipo di frantumatoi, e quindi separare la semola dal sottoprodotto.
Le semolatrici sono macchine impiegate per la pulizia e la selezione calibrata delle semole di grano duro.

 

brochure online

 

contatti borsa merci iniziative

 

Semolerie Ferro - P.I. 00070190707 - Tutti i diritti riservati - E' vietata la riproduzione anche parziale del contenuto